Category: Reviews
Written by: Eugenio Giordano
Hits: 773
DONNA? - DONNA?

DONNA? - DONNA?

Sono davvero poche le persone in Italia, me compreso, che fino a qualche mese addietro avrebbero potuto vantarsi di conoscere o essere in possesso delle demo dei napoletani Donna?.

Incredibile a dirsi ma questa band è stata totalmente ignorata per quasi trent’anni da critica, pubblico e buona parte degli addetti ai lavori.

Siamo oggi di fronte a una importante operazione di ricerca archeologica metallica operata dalla capitolina Ace Records che per la sua terza pubblicazione ha scelto il materiale dei Donna? come oggetto di questo Lp omonimo.

Il combo partenopeo mosse i primi passi alla fine degli anni settanta come cover band andando a collocarsi tra i pionieri dell’Hard & Heavy italiano. Insieme a Strike, Wizard, Showy Rags, Marshall e tanti altri illustri gruppi della zona vesuviana i Donna? si distinsero immediatamente per tecnica, talento e attitudine live.

Purtroppo i membri del gruppo erano impegnati su più fronti e finirono per perdersi in infiniti progetti e speranze mancate. Di loro rimasero due demo su cassetta divenute in fretta registrazioni quasi irreperibili almeno fino ad oggi, quando grazie alla determinazione della Ace Records di Andrea Ciccomartino la musica dei Donna è tornata finalmente disponibile in un elegante vinile bianco limitato a cento copie numerate.

Come per le precedenti produzioni della piccola etichetta romana, Way Out e Schwartz, anche in questo caso il suono del disco risulta vivido e preciso, so bene quanto sia stato difficile riuscire a mettere le mani sui master tapes originali da parte della Ace Records. La tradizione dell’etichetta in oggetto si conferma anche per quanto riguarda il confezionamento del disco con inserto a colori, flyer, poster e un sacco di foto che sicuramente faranno la felicità anche del più esigente fanatico di HM italiano degli anni ottanta.

I brani proposti dai Donna? sfoderano una serie di caratteristiche ben poco italiane e decisamente ispirate agli stilemi sonori transatlantici.

Con la prima “Slaves Still Slaves” si comprende subito la bontà vocale del bravissimo David Gionfriddo e il grandissimo lavoro melodico di chitarre e tastiere veramente efficace e ispirato. In bilico tra le melodie irresistibili dei Journey e qualche concessione radiofonica tipica dei Whitesnake, i Donna? puntano dritto al cuore dell’ascoltatore con “Dreams On Randez Vous” la quale conferma pienamente le impressioni avute con la opener track del disco.

Si continua con la coinvolgente “Sex Sells” forse meno impegnativa delle precedenti ma dannatamente live oriented e ricca di potenziale se suonata dal palco. Torniamo su livelli altissimi di song writing con “Raindance” altra prova magistrale della band napoletana, qui sono le linee vocali abbinate a un ottimo crescendo sonoro a determinare la caratura del brano.

Non poteva mancare una traccia romantica ed emozionante come “Send Me An Angel” che figura perfettamente in un prodotto discografico di questo tipo, qui i paragoni potrebbero sprecarsi ma parlerei di forti somiglianze con i primi Cinderella.

Sinceramente non so cosa aggiungere a quanto già espresso, mi rivolgo a chi guarda con diffidenza le produzioni su vinile e le edizioni limitate: cercate sempre di considerare la fatica, la passione e il rischi che stanno dietro a queste produzioni. Ace Records si sta facendo notare tra i fanatici del settore HM italiano e merita un pieno supporto.

Per informazioni Andrea Ciccomartino ventidueit(at)yahoo.it

Tracklist:

01. Slaves Still Slaves
02. Dreams On Randez Vous
03. Sex Sells
04. Raindance
05. Send Me An Angel

Lineup:

Cristiano Quarra: Basso
Raffaele Lopez: Tastiere
David Gionfriddo: Voce
Lucio Mazzaro: Chitarre